Pagine

21/12/15

Confettura di Mele Annurche per i vostri regalini di Natale


Non Avete ancora provveduto all’acquisto di tutti i regali di Natale?

Beh… siete ancora in tempo per prepararli in casa artigianalmente, vi ci vorranno solo poche ore e avrete tutti i vostri pensierini sotto l’albero.

Una bella confettura di “Mele Annurche”, una squisitezza sublime…







La Mela Annurca della quale troverete tante informazioni qui, qui e anche qui, è senza dubbio il frutto maggiormente caratterizzante la “Campania Felix”, anche perché fortemente legata a questa regione da tempi remotissimi. “Campania Felix” fu il titolo dato dagli antichi Romani a questa affascinante terra che sta, appunto, per Campania ricca fortunata, nel senso di territorio fertilissimo nel quale, proprio grazie alle particolari e caratteristiche proprietà chimiche del terreno, tutto ciò che vi viene coltivato cresce, non solo rigogliosamente ma, anche con un gusto intenso e particolare. Purtroppo, aimè, l’inquinamento delle falde dovuto alle discariche abusive e all’interramento illegale di rifiuti altamente tossici, ha fatto si che, molte zone della Regione producano colture non proprio genuine. Questo è un discorso molto triste ma, anche molto lungo… sul quale potremmo disquisire magari attraverso i vostri commenti alla ricetta se vi va.

Oltre alle informazioni che potrete leggere nei link precedenti, una delle leggende popolari legata all'etimologia del nome della squisitissima mela è l'ipotesi che semplicemente si chiamasse Annuca poiché, essendo questo frutto molto dolce, veniva lanciato agli orsi, in dialetto “Urchi”che aggredivano i contadini nei sottoboschi, quindi, mela “annurcu”. Questi ne erano attratti proprio per la particolare dolcezza e venivano distolti dall'aggredire. Un'altra delle caratteristiche importanti di questo frutto sta nel fatto che pur essendo più dolce rispetto agli altri tipi di mela, contiene circa il 30% di calorie in meno rispetto alle mele più conosciute.





La confettura è facilissima da preparare.
Tagliate a cubetti le mele (1 kg di frutta già al netto degli scarti) comprensive di buccia e lasciatele a bagno per 20 minuti in acqua e succo di un limone spremuto. Successivamente fate gocciolare i cubetti di mela e lasciateli cuocere insieme a 500 gr di zucchero, fino a che non raggiungeranno i 108°, girando spesso la vostra dadolata durante la cottura. (sarà necessaria più di mezz’ora). Dopo la cottura versatevi la buccia grattugiata di 2 limoni non trattati e il succo di 1 limone. Prelevate ¾ delle mele cotte, passatele nel passaverdure e poi, unite i due composti insieme. Si potrà ricavare circa 500 gr di confettura con questo metodo oppure, se preferite la marmellata alla confettura, usate lo stesso procedimento su indicato ma, senza lasciare la buccia alle mele e passando tutte le mele cotte nel passaverdure. Appena finito tutte le operazioni necessarie, riempite i vostri vasetti che dovranno essere sterilizzati. Le istruzioni per questa operazione e anche per far si che il contenuto dei vasetti rimanga sotto vuoto per la conservazione, le trovate qui 
Allora, divertitevi preparando questa succulenta bontà e gustate il pensiero della gioia di regalare un prodotto fatto con le vostre mani ai vostri cari e ai vostri amici.

Alla prossima

Mrs Gra

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per i tuoi suggerimenti